Fin da piccoli ci hanno insegnato a non giudicare mai un libro dalla copertina e che l’abito non fa il monaco,  ma non è sempre vero, ad esempio per l’immobiliare una buona prima impressione dell’immobile è fondamentale per poterlo vendere in breve tempo e al miglior prezzo.

Cos’è l’Home Staging

L’Home Staging letteralmente significa la messa in scena della casa, è quindi quell’attività di marketing che permette tramite un professionista del campo, di poter mettere in luce i pregi e le potenzialità di una casa, e allo stesso tempo anche di correggere i difetti e migliorare con alcuni accorgimenti funzionali e/o estetici il valore dell’immobile, per poterlo presentare al meglio e quindi venderlo al miglior prezzo nel minor tempo possibile.

A volte basta davvero poco cambiare un colore di una tenda o di una parete o aggiornare l’arredo interno o esterno o ancora ridisporre una stanza per renderla più funzionale e usufruibile; non c’è quindi bisogno di spendere cifre ingenti anche perché non avrebbe senso,  l’importante è scegliere le cose giuste da mettere al posto giusto ma per farlo bisogna aver capacità di immaginazione, conoscenza  e buon gusto.

Nel caso di abitazioni non di nuova costruzione, quindi sottoposte di recente a un trasloco, la mossa chiave è quella della tinteggiatura, che consente di rinfrescare le pareti eliminando gli aloni dei mobili e dei quadri presenti in precedenza. Questo primo passo è utile per permettere agli aspiranti inquilini di percepire efficacemente ogni spazio e immaginare di far proprio l’ambiente.

Discorso ben diverso per gli appartamenti di nuova costruzione: questi godono di un grande appeal dovuto alle finiture moderne e all’efficienza del sistema energetico, che consente di risparmiare in bolletta. Ma anche in questo caso è fondamentale mettere a proprio agio i potenziali inquilini: per far percepire la giusta grandezza dei vari ambienti, una soluzione può essere quella di arredare la casa con un mobilio a noleggio e dettagli di design. Vedere, infatti, è molto più semplice che immaginare.

Come.. Quando.. Perché affidarci ad un Home Stager ?

Spesso accade oggi giorno che i venditori vedono la loro casa essere sul mercato ormai da troppo tempo senza riscontrare successo, proposte o buoni feedback da parte dei clienti in visita; molte volte il motivo è proprio una mal presentazione dell’immobile.

Vediamo alcuni esempi :

  • un arredo troppo antiquato non aiuta anzi rende la casa vecchia anche quando non lo è veramente.
  • il disordine è un altro nemico della vendita, infatti avere troppi oggetti sparsi per casa, impedisce al cliente di capire bene gli spazi e gli ambienti interni ed esterni alla casa
  • i colori possono essere sintomo di disturbo, per esempio una casa troppo colorata o dallo stile molto eccentrico non permette nel cliente l’immedesimazione in essa

A causa di questi errori nella presentazione dell’immobile, in molti casi sopratutto in questi ultimi anni di crisi il venditore è stato costretto a dover ribassare il prezzo del proprio immobile per poterlo vendere perdendo così tempo e denaro.

La soluzione è quindi di affidarsi ad uno specialista di Home Staging, prima di mettere in vendita il proprio immobile sul mercato, in questo modo si può aver una prima valutazione dell’immobile e capire cosa c’è che può funzionare o cosa no per un eventuale presentazione e si ha anche il tempo di operare in anticipo laddove vi siano da fare correzioni.

Una volta terminati i lavori si può finalmente mettere sul mercato l’immobile avendo la tranquillità e la certezza che l’immobile si presenterà al massimo delle sue potenzialità funzionali ed estetiche, qualità fondamentali per accattivarsi i clienti ed ottenere delle ottime prime impressioni e quindi riuscire così a vendere al miglior prezzo e nel minor tempo.

A dare linfa al settore è stata, paradossalmente, la crisi degli ultimi anni: l’home staging permette infatti di far emergere una proposta immobiliare in un’offerta che ha superato di molto la domanda, spingendo i prezzi verso il basso; di conseguenza i tempi di vendita si sono dilatati e sono aumentati gli “sconti” in fase di trattativa, proprio le cose che l’home staging punta a contrastare.

Il principale ostacolo alla diffusione dell’home staging è che il venditore è chiamato ad affrontare un esborso iniziale quando è in una situazione in cui aspetta solo di incassare il prezzo della casa.

Esclusi i casi di chi non può permetterselo, sta al professionista convincere il cliente che sono soldi ben spesi. Vendere più in fretta dà un doppio vantaggio in termini economici: da un lato si risparmiano tasse, bollette e spese condominiali, dall’altro dopo un po’ di tempo che l’immobile resta invenduto si sarà costretti ad abbassare il prezzo. Quindi anche senza considerare la buona quotazione che permette di raggiungere l’home staging, il solo accorciarsi dei tempi permette di ripagare l’investimento, che in genere è comunque contenuto.

Si parte da costi sotto i mille euro per un’operazione di “decluttering”: pulizia e riordino, alleggerimento di tutto il superfluo, compreso qualche mobile troppo ingombrate o poco funzionale, cambio di tessuti e tende o altri elementi accessori; in questo caso, in genere, tutti gli interventi sono fatti dal proprietario e solo alla fine interviene l’Home Stager con alcuni ritocchi e il servizio fotografico.

All’estremo opposto si interviene con l’inserimento di arredi (veri o spesso in cartone) che rimangono “in scena” per qualche mese, tinteggiatura, sistemazione infissi eccetera, per un esborso che può raggiungere qualche migliaia di euro. Ovviamente si tratta di interventi più ammortizzabili in case di maggior valore.

 

Spesso l’home staging viene visto come un intervento che rende la casa neutra e quindi più adatta a molti compratori, questo è vero fino ad un certo punto.

Si tratta di un’operazione di marketing per cui è necessario definire bene il target da colpire.; la casa va cioè caratterizzata in base al potenziale acquirente .

Un trend immobiliare che sta spingendo la diffusione dell’home staging è lo short rent.

L’acquisto su internet di una vacanza in affitto passa soprattutto attraverso le foto e di un ambiente che deve colpire in pochi minuti per cui il colpo d’occhio è fondamentale, mentre nel caso dell’acquisto di una casa il tempo di decisione è molto più lungo ed entrano in campo molti più fattori